Hai mai pensato di diventare un massaggiatore professionista?

C’è chi decide di fare l’ingegnere e allora cerca l’università che più si avvicina alle sue necessità, chi vuole diventare un personal trainer e allora cerca il percorso più adatto.

Ognuno di noi ha dei sogni nel cassetto, degli obiettivi da raggiungere, dei traguardi da tagliare per realizzarsi sia professionalmente che privatamente.

Ogni scelta che facciamo è lo specchio di ciò che siamo, di quello che vogliamo diventare, delle aspettative che abbiamo, della direzione più giusta da intraprendere per sentirci soddisfatti e gratificati.

C’è chi decide di fare l’ingegnere e allora cerca l’università che più si avvicina alle sue necessità, chi vuole diventare un personal trainer e allora cerca il percorso più adatto, chi sceglie di diventare un massaggiatore professionista.

Eccoci al punto.

Cosa fare in quest’ultimo caso? Prima di scegliere la scuola più adatta a te, che sia seria, professionale, competente e che offra una vasta gamma di percorsi formativi da intraprendere, inizialmente la cosa più importante è, sicuramente, conoscere la professione che ti accingi a costruire.

Per esempio, che richiesta c’è di queste figure professionali? Che opportunità lavorative avrai a disposizione? Cosa ti servirà per diventare un professionista del massaggio?

In questo blog, abbiamo cercato di rispondere alle prime domande e ora è il momento di darti anche delle indicazioni su quali sono gli strumenti necessari per praticare questo lavoro meraviglioso.

Continua a leggere e sicuramente resterai stupito!

Leggi anche: Professione massaggiatore: cosa fare dopo un corso di massaggio?

INDICE

IL PRIMO PASSO PER DIVENTARE UN MASSAGGIATORE PROFESSIONISTA: SCOPRI UN MONDO STRAORDINARIO E INNAMORATENE!

Non esistono trucchi, formule magiche, niente di esoterico per provare e riuscire a fare ciò che si sogna.

L’unica vera arma a disposizione di chiunque è la passione, amare ciò che si vuole fare, sentire davvero che quel lavoro, quello stile di vita che si vuole abbracciare è ciò che ti renderà felice, ciò per cui senti di essere portato.

E si sa, i migliori risultati si raggiungono quando si segue la propria strada.

Nessuno di noi, però, vive nel mondo dei balocchi e sappiamo benissimo che, oltre ai sogni, la vita è fatta di concretezza. Ma è possibile far coincidere le due cose?

Secondo noi sì.

Ecco un esempio reale: sai da sempre che la tua strada è quella di diventare un massaggiatore professionista o decidi di cambiare vita quando tutti ti dicono che potrebbe essere un azzardo?

Non c’è un momento più o meno adatto per iniziare il tuo individuale percorso formativo perché troverai scuole pronte ad adeguarsi alle tue esigenze e ai tuoi impegni proponendoti diversi modi per seguire le lezioni.

Avere conoscenze pregresse specifiche sul campo dei massaggi non è necessario, perché i corsi di massaggio sono aperti a tutti e non è richiesto nessun requisito d’accesso.

Non hai bisogno di grandi investimenti per intraprendere la tua professione, perché basta davvero poco se vuoi avviare, per esempio, un tuo studio privato.

E in ogni caso, puoi sempre cercare lavoro a domicilio, in spa, palestre o centri benessere. Le occasioni non mancano, basta conoscerle e farsi guidare.

In tempi in cui il concetto di wellness è sempre più un punto fermo, come nella nostra società, scegliere di operare nel campo del benessere è una scelta vincente.

Che sia con finalità estetiche, sportive o rilassanti, i massaggi, e quindi i massaggiatori, sono sempre più richiesti.

E se nelle tue mani possiedi le conoscenze necessarie per garantire alle persone che si rivolgeranno a te esperienze indimenticabili, riuscirai a ottenere gratificazioni sotto diversi punti di vista.

Ricapitolando: cos’è necessario per diventare un professionista del massaggio? Amore, passione e tanta voglia di imparare!

Leggi anche: Perché diventare un massaggiatore

I MAGNIFICI 3: COSA TI SERVE PER ESSERE UN MASSAGGIATORE PROFESSIONISTA

Come in ogni attività, anche in quella di massaggiatore esistono dei mezzi che facilitano e completano l’esecuzione delle diverse tecniche.

I cosiddetti strumenti del mestiere, alcuni oggetti e prodotti che conferiscono professionalità, soprattutto se usati con coscienza e sapienza.

Pochi accorgimenti, in realtà, ma indispensabili per l’ottima riuscita della tua professione.

Sicuramente avrai bisogno di un lettino, sia che tu lavori in una palestra, sia che decidi di allestire un tuo studio.

Avrai bisogno di asciugamani, ben igienizzate e di varia misura.

Dovrai imparare a conoscere e a usare in modo consapevole gli oli per massaggi, importanti alleati per amplificare i benefici delle tue tecniche.

E poi, soprattutto e immancabilmente, avrai bisogno delle tue mani. Pratiche, sapienti, custodi di manovre capaci di creare salute e benessere.

Ecco allora qualche informazione in più per conoscere ciò che ti servirà.

IL LETTINO: FEDELE COMPAGNO DI VIAGGIO

Sì, sembra scontato.

Però è importante sottolineare alcune caratteristiche di un oggetto indispensabile per poter eseguire in modo adeguato una seduta di massaggio.

Il lettino è l’emblema del massaggiatore, forse ciò che, nell’immaginario comunque, lo identifica maggiormente.

E forse non è un caso. 

 

Sdraiarsi è sinonimo di relax, permette di allentare le tensioni, di distendersi, preparando muscoli, articolazioni e tessuti ad accogliere quelle manovre specifiche che serviranno ad alleviare disturbi e ad affievolire e prevenire fastidiosi inestetismi.

Non è un mezzo da sottovalutare, anzi è importante considerare specifiche funzioni nel momento in cui si sceglie un lettino per massaggi, come, ad esempio, la possibilità di sceglierlo pieghevole e portatile se decidi di operare a domicilio.

L’aspetto imprescindibile e da non trascurare mai è sicuramente il confort per i tuoi clienti, per cui cercane uno che sia regolabile in altezza, reclinabile e con lo spazio per il viso nel caso di tecniche in posizione prona.

Leggi anche: Come allestire il proprio studio da massaggio

OLI DA MASSAGGIO: OTTIMI ALLEATI PER LE TUE PRATICHE

Passiamo agli oli per massaggio.

Straordinari prodotti per aggiungere alle tue sedute quel qualcosa in più che le renderanno indimenticabili.

Ne esistono di vario tipo, a seconda della loro modalità di estrazione, dei principi attivi che li compongono e delle caratteristiche che possiedono.

Ecco qualche esempio di oli per il massaggio:

  • avocado: adatto a tutte le tipologie di pelli, è particolarmente indicato per quelle disidratate;
  • mandorle dolci: con un particolare effetto lenitivo ed emolliente, è un ottimo nutriente naturale;
  • arancio: ha benefici sul sistema nervoso grazie alla sua capacità calmante.

La lista è veramente molto più ampia.

Conoscere gli oli essenziali per massaggi è quella marcia in più necessaria per offrire davvero delle esperienze complete, con elevati vantaggi e indimenticabili benefici.

Leggi anche: Olio per massaggio: un toccasana anche nell’alimentazione

LE TUE MANI: RENDILE PRATICHE CON I MIGLIORI CORSI DI MASSAGGIO

Sicuramente è lo strumento veramente indispensabile per un massaggiatore.

È quella parte del corpo con cui si sono costruite le cose più innovative, con cui si sono prodotti i migliori capolavori della storia, attraverso cui hanno preso vita le creazioni più straordinarie.

Con le mani si può fare davvero di tutto. 

 

 

E con le tue mani, ben istruite, giustamente guidate alla scoperta del meraviglioso mondo del benessere, sarai capace di dare sollievo, alleviare dolori, attenuare i più svariati inestetismi.

Con le mani, puoi fare davvero grandi cose. Rendile consapevoli imparando le migliori tecniche attraverso i corsi di massaggi che più preferisci. 

Inizia questo meraviglioso percorso e diventa un massaggiatore professionista.