Il 22 aprile di ogni anno a partire dal 1970 è una data molto importante nel calendario di 193 paesi del mondo. È l’Earth Day, la giornata mondiale dedicata alla Terra.

A distanza di 52 anni dalla prima celebrazione, questo giorno della fine di aprile, mese della primavera, dello sbocciare dei fiori, dell’inebriante profumo della natura che si risveglia, è un momento di riflessione che mai come oggi diventa urgente e doveroso.

Un argomento di grande e scottante attualità perché il problema ambientale è diventato un tema in cima a ogni agenda dei governi di tutto il mondo.

Inizialmente nata con l’intento di sottolineare la necessità di conservare le risorse naturali, con il passare degli anni questa ricorrenza è diventata un’occasione indispensabile per informare ed educare circa i temi legati all’ecosistema. Ed è un dovere che sentiamo anche noi di assolvere.

Ed è per questo che con l’articolo di oggi vogliamo raccontarti come noi e tu, diventando un massaggiatore professionista, puoi dare una mano, anche solo con piccoli gesti, alla salvaguardia dell’ambiente che ci ospita.

Iniziamo questo viaggio insieme e scoprirai che lo spirito di rispetto, prevenzione e cura che deve essere alla base del rapporto dell’uomo con la natura è la stessa terna di valori che contraddistingue la figura del massaggiatore professionista. Perché questo non è solo un lavoro, ma è uno stile di vita.

Leggi anche: Impara a prenderti cura delle persone anziane con i corsi di massaggio

INDICE

Diventare massaggiatore professionista è uno stile di vita

diventare massaggiatore professionista uno stile di vita

Eseguire massaggi non è semplicemente una professione. Per quanto stimolante, entusiasmante e ricca di soddisfazione, questa non è semplicemente un’occupazione, ma è un modo di vivere.

Diventare operatore del benessere è una rivoluzione a 360°. Sì, perché acquisire le tecniche non significa solo saper creare vantaggi alle persone che si rivolgono alle tue competenze, ma significa entrare in connessione con uno stile di vita che abbia, come primo valore fondante, il rispetto.

Rispetto non solo nei confronti di chi chiede il tuo aiuto, ma anche, e forse in primo luogo, per quella natura che ti circonda e che ti offre sorprendenti opportunità per compiere il tuo lavoro nel migliore dei modi.

Molte filosofie che nutrono alcune delle pratiche del benessere più richieste, come per esempio i massaggi olistici o le tecniche orientali, si basano sulla concezione che l’uomo sia parte integrante della natura.

I 4 elementi naturali diventano così elementi costitutivi del nostro organismo e riuscire a armonizzarli significa riuscire a ritrovare un sano equilibrio psicofisico.

Una metafora che, se ci rifletti anche solo un attimo, svela il profondo legame tra la natura e l’uomo. Un legame che è vita, armonia e condivisione.

Un’altra risorsa molto importante che l’ambente mette a nostra disposizione sono gli oli per massaggi e quelli essenziali.
Fantastici balsami capaci di amplificare i benefici dei tuoi trattamenti. Preziosi alleati che puoi trovare nelle piante, nei fiori, nei semi, perfino nella corteccia degli alberi. Un regalo prezioso. Come si può non essere riconoscenti?

Un mondo ricco, variegato e sorprendente, quello della natura. Che dà senza chiederci apparentemente nulla in cambio. Solo la meritata e dovuta attenzione.

Leggi anche: Qual è la differenza tra oli da massaggio e oli essenziali? Ecco alcune caratteristiche dei fantastici alleati del benessere

Ecco i 3 modi con cui un massaggiatore professionista rispetta l’ambiente

Abbiamo spremuto le risorse del nostro Pianeta, estratto tutto ciò che potevamo estrarre, sfruttato tutto quello che potevamo sfruttare.

Ma giunge sempre un momento in cui bisogna fermarsi e cambiare rotta per salvaguardare un luogo di cui dobbiamo avere cura. Perché è la nostra casa, perché ci regala momenti di estremo stupore, perché ogni angolo e ogni essere che lo popola è motivo di sorprendente meraviglia.

Una giornata importante, dunque, quella del 22 aprile. Ma quali sono i modi con cui un massaggiatore professionista si prende cura dell’ambiente?
Ecco per 3 principali azioni:

  • sensibilizzare quante più persone possibili attorno al tema della salvaguardia, attraverso le pratiche acquisite e diffondendo un modo di pensare che sia improntato sul rispetto e l’educazione ambientale;
  • non limitare le tue conoscenze e competenze all’ambiente professionale. Apri la mente e fai propri i valori alla base del concetto di rispetto per la Terra, i cardini di una professione, quella del massaggiatore professionista, che non è semplicemente un lavoro, ma è uno stile di vita;
  • con il nostro lavoro possiamo fare tanto per aiutare il nostro Pianeta. Usa solo prodotti che rispettano l’ecosistema, per esempio scegli oli da massaggio al 100% naturali: non inquinano e sono super efficaci!

Insomma, potremmo elencarti tanti altri motivi per cui diventare massaggiatore professionista è una scelta consapevole che cambierà la tua vita sotto diversi punti di vista.
Ma il nostro scopo non è questo. Il nostro obiettivo è quello di partecipare, anche solo con un pensiero, a una giornata che significa molto e che acquisterà sempre un senso più profondo. Perché, se ognuno di noi fa qualcosa, questo qualcosa sommato a tutti gli altri qualcosa, può diventare davvero un’opera grande e importante.

Amerai questa professione e questo modo di concepire la vita non solo perché sarai libero di organizzare il tuo tempo come meglio preferisci, avrai un lavoro gratificante e soddisfacente, ma anche perché ti renderai conto della meraviglia che ogni giorno ti circonda, apprezzando ogni minimo alito di vento e imparando a rispettarlo.

Leggi anche: Diventa massaggiatore professionista: realizza un sogno investendo comodamente su te stesso