Hai appena finito il tuo percorso formativo e stai cominciando a progettare il tuo studio di massaggi?

Hai sempre sognato di creare un angolo tutto tuo di relax per mettere in pratica le tue conoscenze e far sentire chiunque a proprio agio?

Hai il desiderio di avere un’attività tutta tua che rispecchi il grado di professionalità acquisito durante i corsi di massaggio?

Bene, sei capitato nel posto giusto!

Sì, perché in questo articolo abbiamo pensato di darti qualche consiglio su come realizzare il tuo angolo del benessere, dove accogliere chi si rivolgerà alle tue competenze per prepararli a vivere una delle esperienze emozionali più profonde che possano esserci.

Perché in un massaggio c’è tutto: salute, benessere e relax.

Un universo composto da diversi elementi, dove ognuno compie il suo ruolo: quello indispensabile delle tue mani, rese sapienti e formate da corsi di massaggi; quello altrettanto primario del luogo in cui accogliere chi ha bisogno del tuo aiuto; quello ugualmente importante della giusta atmosfera da creare per un ambiente confortevole e distensivo.

Leggi anche: Massaggiatore professionista? Ecco tutti gli strumenti

INDICE

SEI DIVENTATO UN MASSAGGIATORE PROFESSIONISTA? ECCO COSA FARE DOPO AVER CONCLUSO I CORSI DI MASSAGGI

Dopo aver ottenuto il diploma riconosciuto e frequentato i corsi di massaggi scelti per il tuo percorso formativo, sei pronto per mettere a frutto le conoscenze acquisite, per dimostrare a te stesso che hai raggiunto ciò che hai sempre desiderato: diventare un massaggiatore professionista.

Una carriera, questa, che ti apre le porte di diversi settori lavorativi, tutti ugualmente validi ma ognuno con caratteristiche proprie.

Tu dovrai solo cercare di individuare quel settore che si uniforma maggiormente alle tue aspirazioni.

Certo, avrai bisogno di essere indirizzato e accompagnato lungo questo cammino ed è ciò che una scuola di massaggio, seria e competente fa, per esempio, con tirocinio ed eventi o con master specifici indirizzati esplicitamente all’inserimento nel mondo del lavoro.

Ecco alcuni dei settori in cui potrai cercare occupazione:

  • spa;
  • centri benessere;
  • centri sportivi;
  • palestre;
  • società sportive
  • complessi termali.

Ma puoi anche decidere di metterti in proprio, di creare la tua attività, gestirla come meglio credi e organizzarti come vuoi, sempre nel rispetto del codice etico e deontologico che fa di un massaggiatore un massaggiatore di successo.

Che sia una stanza a casa tua o un tuo studio privato, l’alternativa non è da sottovalutare.

Infatti, potrai disporre del tuo tempo nel modo che ritieni più opportuno, alternando, per esempio, le visite nel tuo studio alle pratiche effettuate a domicilio.

Insomma, la cosa estremamente affascinante di questa scelta professionale è la libertà che riuscirai a garantirti, oltre la soddisfazione personale e lavorativa. Niente male, vero?

Ecco allora qualche consiglio su come realizzare un perfetto studio di massaggi.

Leggi anche: Professione massaggiatore: cosa fare dopo un corso di massaggio?

LE CARATTERISTICHE DEL TUO STUDIO DI MASSAGGI

Ecco i 3 aspetti fondamentali per un perfetto studio di massaggi:

  1. che sia funzionale e pratico;
  2. che sia confortevole e rilassante;
  3. che sia salubre e comodo.

L’organizzazione degli spazi deve essere razionale, efficace e adatta all’attività che devi svolgere.

Nessun impaccio, niente deve vietarti di muoverti liberamente per poter eseguire tutte le tecniche di tua competenza con sicurezza ed efficienza.

Ecco i 3 aspetti fondamentali per un perfetto studio di massaggi:

  1. che sia funzionale e pratico;
  2. che sia confortevole e rilassante;
  3. che sia salubre e comodo.

L’organizzazione degli spazi deve essere razionale, efficace e adatta all’attività che devi svolgere.

Nessun impaccio, niente deve vietarti di muoverti liberamente per poter eseguire tutte le tecniche di tua competenza con sicurezza ed efficienza.

Un ambiente pratico dove tu riesca ad avere tutto ciò che ti serve per accontentare le richieste e soddisfare le esigenze di chiunque chiederà di avvalersi delle tue conoscenze in materia di benessere.

Devi riuscire a creare un luogo che sia tranquillizzante e rasserenante.

Uno degli obiettivi principali delle tecniche di massaggio è proprio quello di rilassare la persona, alleggerire le tensioni fisiche e mentali per raggiungere l’armonia tra mente e corpo.

La realizzazione di questo traguardo risiede principalmente nella sapienza delle tue mani, ma molta parte è data anche dall’atmosfera che riuscirai a creare nel tuo habitat.

Un luogo che sia distensivo per i sensi, che riesca ad allentare ansie e pensieri, che aiuti a rilassarsi è quella base necessaria sulla quale poi costruire il percorso adatto alle diverse persone.

Infine, elementi che sembrano scontati ma che è sempre meglio ribadire, è necessario che il tuo studio sia pulito e disponga di tutte le comodità indispensabili per rendere l’esperienza del massaggio un momento davvero indimenticabile.

Questi sono consigli teorici, importanti da tenere a mente. Ma, come sempre, ciò che ci contraddistingue è il risvolto pratico.

Quindi, ecco di seguito dei consigli concreti per arredare il tuo studio di massaggi.

UNO STUDIO PERFETTO: STRUMENTI DEL MESTIERE, ATMOSFERA E ARREDAMENTO

Allora, vediamo nel dettaglio qualche suggerimento concreto per allestire uno studio perfetto:

 

  • lettino: superfluo dire che deve essere professionale. Devi offrire comfort, per cui il principale protagonista del tuo studio, il fulcro centrale intorno a cui ruoterà ogni elemento, deve essere comodo, con schienale reclinabile, possibilmente con l’apposito spazio per collocare il viso durante pratiche che richiedono la posizione prona;
  • sedia ergonomica e futon per massaggi: ogni tecnica ha le sue peculiarità e richiede supporti adatti per poterla praticare. Questo, per esempio, è il caso del massaggio thailandese, pratica che in genere viene svolta su di un futon. Oppure, può capitarti di dover effettuare massaggi su qualcuno che ha difficoltà a usare il lettino. In questo caso, ti verrà in aiuto una sedia ergonomica, che eliminerà il disagio della persona. Mettere a proprio agio chi si rivolge alle tue competenze è un dovere di ogni massaggiatore professionista. Perché non ci devono essere limiti né barriere in un mondo, come quello del benessere, che ricerca essenzialmente il modo di far stare bene gli altri;
  • asciugamani: scontato, non trovi? Sì, lo sappiamo che è abbastanza ovvio dire che sono necessari. Però, se vogliamo davvero dare dei consigli che siano utili e completi, non potevamo non nominarli;
  • separé: per garantire la privacy e per rispecchiare, ancora una volta, la professionalità del tuo lavoro.

Ora passiamo all’atmosfera giusta da creare attraverso l’arredamento e altri piccoli ma importanti accorgimenti.

Il presupposto fondamentale da tenere sempre a mente è che una seduta di massaggio deve essere eseguita circondati da un clima capace di distendere e allontanare le tensioni. In questo modo sarai in grado di apportare tutti i benefici che ogni pratica contempla.

Ecco perché ti consigliamo di fare attenzione alle tonalità usate per le pareti, il pavimento e i mobili del tuo studio.

Opta per colori e materiali tenui e che richiamano la natura, come il legno, il beige e il verde, per esempio.

Adopera oli essenziali non solo per ottimizzare i vantaggi delle tue pratiche ma anche per profumare la stanza, perché sappiamo bene come questi straordinari prodotti naturali abbiamo delle caratteristiche rasserenanti, riuscendo ad agire anche sul sistema nervoso.

Usa un’illuminazione che non sia invasiva: quindi bando a luci fredde o neon, ma preferisci quelle calde e magari anche qualche candela.

Insomma, l’obiettivo principale è quello di creare un ambiente confortevole, che faccia sentire a proprio agio chiunque decida di rivolgersi alle tue competenze. Questo sarà un ottimo punto di partenza.

Perchè uno studio ben concepito, pensato sulle esigenze degli altri e sul modo più gratificante e completo di eseguire il tuo lavoro, sarà lo specchio nel quale si rifletterà la tua professionalità.

Leggi anche: La ricetta per costruire il tuo futuro? Ecco la migliore

IL TUO STUDIO DI MASSAGGI: LO SPECCHIO DELLA TUA PROFESSIONALITÁ

Professionalità significa sicurezza per chi si rivolge alle tue capacità.

Significa possibilità di svolgere il tuo lavoro con sapienza ed efficienza, significa competenza, preparazione e serietà.

Tutte queste qualità sono per te raggiungibili attraverso una solida, pratica e completa formazione, ma, per le persone che ti troverai a massaggiare, il tuo biglietto da visita sarà il luogo in cui le accoglierai.

Proprio per questo è importante allestire il tuo studio tenendo bene a mente quelle caratteristiche fondamentali che, agli occhi di chi si rivolgerà a te, significano professionalità, serietà e attenzione.

Pulizia, accoglienza e comodità sono peculiarità indispensabili per il tuo studio, perché occuparsi del luogo in cui pratichi il massaggio significa prestare la giusta attenzione a chi si accinge a ricevere le tue cure, perché valutare ogni esigenza e cercare di dare sempre una soluzione proponendo diverse alternative è sinonimo di serietà e professionalità.

E sono proprio queste due prerogative quelle che faranno la differenza tra te, che sei un professionista del massaggio, preparato e accorto, e chi improvvisa una professione che invece richiede cura, attenzione e preparazione.

La differenza la farà il tuo grado di preparazione, la tua capacità di mettere in pratica le conoscenze acquisite e la cura che metterai nell’allestire il palcoscenico delle tue manovre del benessere.

Come sempre, noi ti diamo tutti gli spunti possibili, ma poi sarai tu, con le tue mani, a costruire il tuo personale capolavoro.

Diventare un massaggiatore professionista è possibile.

Ed è un viaggio straordinario in un mondo ricco di possibilità e alternative.

Per qualsiasi info su diplomi riconosciuti, corsi di massaggio e master clicca qui e scopri la nostra offerta formativa